Rassegna Stampa

Questa sezione contiene in ordine cronologico interviste o articoli del Ministro per gli Affari Europei. 

da 1 a 10 - Totale: 279

Rassegna Stampa 29 settembre 2020

Ministro Amendola a Repubblica: "Recovery Fund a rischio per i veti incrociati tra gli Stati"

"Si è aperto uno scontro tra Paesi come la Polonia e l'Ungheria che non vogliono interferenze o condizionalità sullo stato di diritto e i cosiddetti "frugali" che spingono perché lo stato di diritto sia irrinunciabile per accedere ai fondi", spiega il Ministro Vincenzo Amendola in una intervista a Repubblica. "Se la discussione continua così, con questi toni e con minacce di veto si potrebbe bloccare tutto".

Recovery Fund , Stato di diritto

Rassegna Stampa 28 settembre 2020

Ministro Amendola al Riformista: "Con l'aiuto dell'UE le riforme non sono più un'utopia"

"A partire dal 15 ottobre comincerà il confronto tra i governi e la Commissione per affinare i Piani nazionali che poi verranno presentati a gennaio", scrive il Ministro Vincenzo Amendola in un intervento pubblicato su Il Riformista. "Le risorse concordate con l'UE ci offrono un'opportunità che non può essere sprecata".

Recovery Fund , Piano nazionale di ripresa e resilienza , PNRR

Rassegna Stampa 11 settembre 2020

Il Ministro Amendola al Corriere: "Lo Stato diventerà più digitale ma sul 5G attenzione agli affari con la Cina"

C'è un punto che senza il cosiddetto Recovery Fund sarebbe sicuramente impossibile? Intervistato dal Corriere della Sera, il Ministro Vincenzo Amendola risponde con sicurezza: "La digitalizzazione della pubblica amministrazione. Negli anni 60 il boom ebbe come simbolo l’autostrada del Sole: era l’Italia che si univa, anche materialmente. Oggi l'autostrada del Sole dev'essere digitale, di cui va rifatto il disegno: va di nuovo unito il Paese, con più servizi per cittadini e imprese".

Recovery Fund

Rassegna Stampa 22 luglio 2020

Il Ministro Amendola al Corriere della Sera: "Una intesa che cambia storia e volto dell'Europa"

L'intesa raggiunta al Consiglio europeo "cambia la storia e il volto dell'Europa, sempre meno somma di singoli calcoli nazionali", per il Ministro degli Affari Europei, Vincenzo Amendola, in una intervista al Corriere della Sera. L'Italia "è il più grande beneficiario di questi stanziamenti, con oltre 209 miliardi di euro, e le uniche condizioni sono legate alla qualità della spesa e delle riforme". In pochi mesi "dovremo dar vita ad un piano di ripresa nazionale, e su questo il governo Conte è chiamato ad una grande prova di responsabilità, lungimiranza e coesione".

Recovery Fund , Next Generation EU

Rassegna Stampa 15 luglio 2020

Il Ministro Amendola a La Stampa: "Per la prima volta l'Europa reagisce e lo fa più velocemente dei suoi competitor internazionali"

"Noi sosteniamo la proposta della Commissione perché la leggiamo dentro un pacchetto che ha un equilibrio: 750 miliardi di Recovery Fund e quasi 1100 miliardi del bilancio", lo spiega il Ministro per gli Affari Europei, Vincenzo Amendola, in una intervista a 'La Stampa'.

Next Generation EU , Quadro finanziario pluriennale

Rassegna Stampa 20 aprile 2020

«Ora un piano europeo per la ripresa. La Ue ha bisogno di leadership»

"L'Europa ha bisogno di leadership". Lo afferma il Ministro Vincenzo Amendola in una intervista al Corriere della Sera. "La risposta europea la valutiamo su tutti e quattro gli strumenti. Per ora ce ne sono tre: il piano della Banca europea degli investimenti per le imprese; Sure, il piano della Commissione per il lavoro; e il Mes". Ma, avverte, “servono molte più risorse".

Pandemic Crisis Support , Recovery Plan , Recovery Fund , coronavirus

Rassegna Stampa 20 marzo 2020

"Lo scudo della Bce è molto importante, ma non basta. Ora gli Eurobond"

Il Ministro per gli Affari Europei, Vincenzo Amendola, spiega in una intervista al Foglio che "o l'Europa dimostra di esistere adesso, oppure non esisterà mai più" Come sarà il decreto di aprile Roma? "Un segnale importante, certo, necessario benché ancora non risolutivo. Perché nelle prossime settimane, nei prossimi mesi, serviranno ancora sforzi poderosi. E a farli dovranno essere anche i governi nazionali", ma "l'Europa è la nostra comunità di destino".

coronavirus , coronabond

Rassegna Stampa 4 ottobre 2019

Italia e Francia: ascoltare i cittadini sul futuro dell'Europa

In un intervento sul 'Messaggero' e 'Mattino', il Ministro Vincenzo Amendola e la Segretaria di Stato francese agli Affari UE, Amélie de Montchalin, rilanciano una "Conferenza sul Futuro dell'Europa per coinvolgere maggiormente coloro che la vivono nel quotidiano". E' convinzione "dei nostri due Paesi" che "è assolutamente necessario condurre" le politiche dell'Unione "non solo per i cittadini, ma anche e soprattutto insieme a loro. Parlarne concretamente, elaborarle attraverso il dialogo, ascoltando i loro bisogni e i loro progetti, le loro preoccupazioni".

Vincenzo Amendola , Amélie de Montchalin , Conferenza sul futuro dell'Europa

Rassegna Stampa 3 ottobre 2019

"L'Europa non è un bancomat"

Il Ministro Vincenzo Amendola racconta al 'Foglio' come si costruisce un'Italia "credibile e virtuosa" in Europa: "dire la verità sia a Roma sia a Bruxelles; presentarsi con proposte chiare ai tavoli di negoziato; presentarsi ai tavoli". E spiega la European way of life nella UE: "Civiltà del diritto, welfare e inclusione sociale".

procedure di infrazione , migrazioni , Vincenzo Amendola , integrazione

Rassegna Stampa 19 settembre 2019

"E' tempo di soluzioni, sui migranti la UE deve adottare proposte strutturali"

"In tutte le sedi europee cercheremo di trovare soluzioni strutturali in modo condiviso e solidale al problema dei migranti. Non vogliamo blocchi contrapposti. E' un lavoro di riforma di vari settori della politica europea", spiega il Ministro Amendola al Corriere della Sera. "C'è molto da fare. Il quadro finanziario pluriennale ha bisogno di numeri stabili e nuove soluzioni per le risorse proprie della UE. Bisogna essere creativi nell'aprire margini di intervento migliori, sul clima e sulla disoccupazione. L'Italia deve parteciparvi con le sue proposte, ma anche dando un segnale di stabilità sul proprio impegno e lavorando per una svolta".

migrazioni , Quadro finanziario pluriennale , Regolamento di Dublino , Vincenzo Amendola , Patto stabilità e crescita

Torna all'inizio del contenuto