Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Esplora contenuti correlati

Consultazioni europee aperte

Nuove consultazioni pubbliche promosse dalla Commissione europea - Ultima rilevazione: 26 novembre 2020

**Leggi la sintesi della consultazione e partecipa anche tu!**

 

Ambiente


  • Consultazione pubblica sulla riduzione dei rifiuti di imballaggio - revisione delle norme
    Scopo di questa consultazione è raccogliere le opinioni di cittadini e portatori di interessi sulle possibili misure di revisione della direttiva sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio. Questo tema riguarda tanto i portatori di interessi lungo l'intera catena di approvvigionamento quanto i consumatori. L'iniziativa mira a migliorare la progettazione degli imballaggi per poterli riciclare e riutilizzare in modo economicamente efficiente e per ridurre la produzione di rifiuti di imballaggio. Sebbene negli ultimi trent'anni si sia diffusa la tendenza ad alleggerire un'ampia gamma di formati di imballaggio, si è registrato un aumento globale dei relativi rifiuti. Inoltre, la progettazione degli imballaggi non tiene sufficientemente conto delle difficoltà e dei costi del trattamento di questo tipo di rifiuti (compresa la raccolta e la cernita), aumentando così il costo del riciclaggio. I rifiuti di imballaggio non riciclati sono conferiti in discarica o inceneriti con conseguenze negative per l'ambiente, tra cui l'inquinamento atmosferico e le emissioni di gas a effetto serra.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 6 gennaio 2021 rispondendo al questionario online.

 

Azione per il clima, dogane, fiscalità, commercio


  • Consultazione pubblica sui gas fluorurati a effetto serra – revisione delle norme UE (2015-2020)
    L'UE ei suoi Stati membri hanno un ruolo guida negli sforzi globali per ridurre i gas fluorurati (gas fluorurati). Il regolamento (UE) n. 517/2014 è stato istituito con l'obiettivo di ridurre le emissioni di questi gas di due terzi entro il 2030. Poiché questo regolamento ha preceduto l'accordo internazionale ai sensi del protocollo di Montreal, richiede alcuni adeguamenti per garantire Conformità UE. Nel contesto del Green Deal europeo e dei recenti progressi tecnologici, la Commissione valuterà anche la fattibilità di ulteriori riduzioni delle emissioni. Infine, sono necessarie alcune modifiche per rafforzare l'attuazione e l'applicazione del regolamento. Tenendo presenti questi obiettivi, la Commissione valuterà le prestazioni dell'attuale regolamento ed esaminerà eventuali impatti delle opzioni politiche per migliorare il regolamento. Questa consultazione mira pertanto a raccogliere opinioni e prove del pubblico sull'impatto del regolamento fino ad ora, nonché una serie di opzioni politiche proposte per il futuro.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 29 dicembre 2020 rispondendo al questionario online.


  • Consultazione pubblica sul sistema di scambio di quote di emissione dell'UE - norme aggiornate in materia di aviazione
    Molti cittadini e organizzazioni si preoccupano affinché sia assicurato il contributo del settore dell'aviazione alla lotta ai cambiamenti climatici, in particolare agli obiettivi climatici dell'UE e al Green Deal europeo, pur consapevoli delle eventuali potenziali conseguenze. La consultazione intende raccogliere contributi sulla revisione del sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS), anche riguardo alle modalità di attuazione della misura CORSIA da parte dell'UE e dei suoi Stati membri, e sulla capacità del settore dell'aviazione di trasferire i costi della CO2 sui passeggeri. I contributi saranno utilizzati per orientare la proposta della Commissione relativa alla revisione della legislazione sul sistema di scambio di quote di emissione dell'UE per quanto riguarda il trasporto aereo.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 14 gennaio 2021 rispondendo al questionario online.



Concorrenza


  • Consultazione pubblica sul settore automobilistico della UE esenzione dalle norme antitrust (revisione)
    La distribuzione di autoveicoli e gli accordi post-vendita sono attualmente soggetti al Regolamento (UE) n. 461/2010 (il "regolamento di esenzione per categoria per i veicoli a motore", MVBER). La Commissione europea ha inoltre adottato una Comunicazione che fornisce orientamenti sull'interpretazione di questa ultima ("Orientamenti aggiuntivi in materia di restrizioni verticali negli accordi per la vendita e la riparazione di autoveicoli e per la distribuzione di pezzi di ricambio per autoveicoli"). L'MVBER incarica la Commissione di redigere una relazione di valutazione sul suo funzionamento entro il 31 maggio 2021, in vista della sua scadenza il 31 maggio 2023. L'obiettivo è raccogliere fatti e prove approfonditi e di alta qualità sulla concorrenza chiave problematiche derivanti dalle relazioni verticali sui mercati della distribuzione automobilistica e del post vendita dal punto di vista degli stakeholder. Consentire alle parti interessate di fornire feedback e contribuire con suggerimenti garantirà anche la trasparenza e la responsabilità del processo di valutazione. La consultazione si concentra sulla raccolta di fatti e prove relativi alle pratiche del settore, alle percezioni delle parti interessate e ai possibili risparmi sui costi, consentendo così alla Commissione di formare un quadro completo dell'efficacia e dell'efficienza del regolamento.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 25 gennaio 2021 rispondendo al questionario online.

  • Consultazione pubblica sulla diffusione della rete a banda larga - valutazione delle norme UE sugli aiuti di Stato
    Lo scopo di questa consultazione è raccogliere le opinioni per valutare l'efficacia, l'efficienza, la coerenza, la pertinenza e il valore aggiunto UE delle norme sugli aiuti di Stato per la realizzazione di infrastrutture a banda larga. Più specificamente, l'obiettivo è esaminare il funzionamento delle norme sugli aiuti di Stato per la realizzazione di infrastrutture a banda larga per verificare in che misura esse abbiano stimolato la realizzazione di infrastrutture di telecomunicazioni e contribuito alla competitività nel settore. Lo scopo è anche quello di verificare in che misura le norme sugli aiuti di Stato per la realizzazione di infrastrutture a banda larga rispondano agli sviluppi tecnologici nonché alle esigenze socioeconomiche e siano appropriate per soddisfare i nuovi obiettivi strategici UE descritti nel documento Comunicazione futura. Le opinioni raccolte confluiranno nella valutazione delle norme sugli aiuti di Stato per la realizzazione di infrastrutture a banda larga. Il risultato di questa valutazione fornirà una base ai servizi della Commissione per valutare se sia necessaria un'azione concreta e coerente, mediante misure legislative e non legislative.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 5 gennaio 2021 rispondendo al questionario online.


Economia, finanze e euro


  • Consultazione pubblica sulle regole uniformi di arrotondamento per i pagamenti in contanti in euro - valutazione
    Oggi circa 342 milioni di cittadini in 19 Stati membri dell'UE usano l'euro come moneta. Il mandato della Commissione consiste nell'esaminare periodicamente e con attenzione l'uso di tagli diversi delle monete in euro e delle banconote in euro alla luce dei criteri di costo e accettabilità da parte del pubblico. In particolare, la Commissione dovrebbe effettuare una valutazione d'impatto sul proseguimento dell'emissione di monete da 1 e 2 cent. In linea con tale mandato, la Commissione ha pubblicato due contributi sull'emissione e la circolazione di monete da 1 e 2 cent nel 2013 e nel 2018. In queste due relazioni, la Commissione ha evidenziato possibili scenari per le monete da 1 e 2 cent, che vanno dallo status quo al loro ritiro dalla circolazione, all'introduzione di regole di arrotondamento, e ha individuato la necessità di un'ulteriore analisi delle possibili opzioni. In tale contesto, la Commissione aggiornerà la sua analisi dell'uso delle monete da 1 e 2 cent e valuterà l'impatto dell'introduzione di regole uniformi di arrotondamento per i pagamenti in contanti nell'area dell'euro. In funzione dell'esito della valutazione d'impatto, la Commissione valuterà la possibilità di proporre un'iniziativa legislativa su regole uniformi di arrotondamento eventualmente accompagnata dalla soppressione (cessazione dell'emissione e ritiro del corso legale) delle monete da 1 e 2 cent. In tale contesto e in linea con i principi dell'iniziativa "Legiferare meglio", attraverso la consultazione pubblica la Commissione intende raccogliere i contributi dei portatori d'interessi al riguardo.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino all'11 gennaio 2021 rispondendo al questionario online.

Imprese e industria, mercato unico


  • Consultazione pubblica sui prodotti da costruzione - revisione delle norme dell'UE
    La consultazione offre a tutte le parti interessate e agli utenti finali l'opportunità di contribuire a una possibile revisione del regolamento sui prodotti da costruzione. La loro esperienza e le loro percezioni aiuteranno a definire la linea di base, valutare le possibili opzioni per il futuro e identificare la via più appropriata da seguire.

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 25 dicembre 2020 rispondendo al questionario online.


Migrazione e asilo


  • Consultazione pubblica sulla sulla migrazione legale
    Nel suo nuovo Patto sulla migrazione e l'asilo, la CE europea ha annunciato una serie di nuove misure volte ad attirare nell'UE competenze e talenti. La presente consultazione intende individuare i settori in cui il quadro dell'UE sulla migrazione legale potrebbe essere ulteriormente migliorato, eventualmente anche con nuovi atti legislativi. Invita inoltre i portatori di interessi a proporre nuove idee per accrescere l'attrattiva dell'UE, favorire la corrispondenza tra la domanda e l'offerta di competenze e proteggere meglio i lavoratori migranti dallo sfruttamento. I risultati della consultazione aiuteranno la CE a decidere quali altre iniziative siano necessarie per affrontare le sfide a lungo termine in questo settore.

     
    Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 30 dicembre 2020 rispondendo al questionario online.

 

 

consultazioni
Torna all'inizio del contenuto