Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Relocation

26 settembre 2018

Dillo in italiano - Ricollocazione

  • [IT] In ambito UE, ricollocazione dei beneficiari di protezione internazionale fra gli Stati membri.
  • [EN] Transfer of beneficiaries of international protection between  EU Member States.
    (fonte: IATE)


Di cosa parliamo?

In tema di politiche migratorie, il termine "ricollocazione" indica il trasferimento di rifugiati tra Stati membri dell'UE, come riportato nel Regolamento n. 439/2010 che istituisce l'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO). 

"Per gli Stati membri il cui sistema di asilo e accoglienza subisca pressioni specifiche e sproporzionate dovute specialmente alla loro situazione geografica o demografica, l'EASO dovrebbe sostenere lo sviluppo della solidarietà all'interno dell'Unione per favorire una migliore ricollocazione dei beneficiari di protezione internazionale fra gli Stati membri, garantendo al tempo stesso che i sistemi di asilo e accoglienza non siano oggetto d'abuso". Il termine si ritrova in tutti i documenti UE sulla migrazione, a partire dal 13 maggio 2015, data di pubblicazione della Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni [COM(2015) 240 final] intitolata Agenda europea sulla Migrazione

In ambito UE, il termine relocation è spesso utilizzato insieme o paragonato al termine resettlement (reinsediamento) con il quale non va confuso. Infatti, resettlement si riferisce al trasferimento, su richiesta dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e in base alla necessità di protezione internazionale, di un cittadino di uno Stato terzo o di una persona apolide, da uno Stato terzo ad uno Stato membro dell'Unione Europea, dove potrà risiedere con lo status di rifugiato ai sensi dell'art. 2, lettera d) della Direttiva 2011/95/UE; oppure con uno status che offra gli stessi diritti e benefici dello status di rifugiato ai sensi del diritto interno e del diritto dell'UE. (Fonte: Ministero dell'Interno)

Dove lo usiamo?

  • Così come si chiede ad un Comune di accogliere un certo numero di migranti, così deve avvenire a livello europeo. Sinora le relocation non hanno funzionato né dall'Italia né dalla Grecia. (8 gennaio 2017
  • In questo senso, è stato importante anche il deferimento alla Corte europea dei tre Paesi che hanno violato gli obblighi sulle relocation dei richiedenti asilo. (12 dicembre 2017) 

 

relocation , ricollocazione , europarole
Torna all'inizio del contenuto