Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Esplora contenuti correlati

Consultazioni europee nuove

Nuove consultazioni pubbliche promosse dalla Commissione europea - Rilevazione del 1 giugno 2022 

**Leggi la sintesi della consultazione e partecipa anche tu!*

Affari interni


  • Traffico illecito di beni culturali - Piano d'azione dell'UE
    La consultazione mira a raccogliere le opinioni, le argomentazioni e le informazioni e analisi di base provenienti da un'ampia gamma di portatori di interessi per garantire in modo trasparente e partecipativo che la Commissione si avvalga di una prospettiva globale delle parti interessate per quanto riguarda i rischi e le lacune pertinenti e le relative misure necessarie a livello dell'UE.
    - Amministrazione capofila: Ministero dell'Interno


    Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 15 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

  • Lotta contro gli abusi sessuali sui minori - revisione delle norme dell'UE
    L'abuso sessuale di minori può assumere molteplici forme e può essere commesso sia online (ad esempio, costringendo un minore a praticare attività sessuali in diretta streaming o scambiando materiale pedopornografico online), sia offline (ad esempio, praticando attività sessuali con un minore o inducendo un minore alla prostituzione). Quando gli abusi sono anche registrati e condivisi online, il danno è perpetuato. La direttiva UE relativa alla lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile (2011/93) è il principale strumento giuridico UE per combattere tali reati. La direttiva definisce una risposta globale, in particolare:
    - ravvicina le definizioni dei reati, stabilisce livelli minimi per le sanzioni penali e facilita la segnalazioni, indagini e azioni penali - introduce misure di prevenzione, tra cui attività di sensibilizzazione, e programmi di intervento destinati agli autori dei reati e alle persone che temono di poter commettere reati
    - e rafforza l'assistenza alle vittime, compresa la prevenzione di ulteriori traumi causati dalla partecipazione a un procedimento penale.
    Il 24 luglio 2020 la Commissione UE ha adottato la Strategia UE per una lotta più efficace contro l'abuso sessuale sui minori, che propone azioni concrete per definire una risposta globale a tali reati. Una delle azioni consiste nel valutare la direttiva UE in vigore dal 2011 per individuare le migliori pratiche e le eventuali lacune legislative ancora presenti. Se necessario, saranno proposte nuove azioni prioritarie per garantire che la legislazione continui a raggiungere gli obiettivi che si prefigge di conseguire. La presente consultazione servirà da base per la valutazione e la revisione della direttiva UE relativa alla lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e offrirà ai cittadini e alle parti interessate l'opportunità di esprimere le loro osservazioni sulle sfide attuali e future nella lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile nonché sui possibili modi per rafforzare, sviluppare e aggiornare il quadro esistente.
    - Amministrazione capofila: Ministero dell'Interno


    Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 13 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

Agricoltura e sviluppo rurale


  • Riesame del programma UE "Frutta, verdura e latte nelle scuole"
    Dal 2017 il programma UE per le scuole sostiene la distribuzione di frutta, verdura, latte e prodotti lattiero-caseari fra gli allievi, dall'asilo nido alla scuola secondaria. Comprende lo svolgimento di attività educative volte ad aumentare il consumo di questi prodotti e a favorire l'acquisizione di abitudini alimentari sane. Il programma mira già a conseguire l'obiettivo della Politica Agricola Comune (PAC) di migliorare la risposta del settore agricolo UE alle esigenze della società in materia di alimentazione e salute, tuttavia vi sono margini per potenziare il suo contributo a favore della sostenibilità della produzione e del consumo di alimenti in linea con gli obiettivi della nuova PAC 2023-2027. La Commissione UE ha avviato un riesame del programma UE per le scuole nell'ambito della strategia "dal produttore al consumatore" allo scopo di creare un comparto alimentare favorevole che agevoli la scelta di una dieta sana e sostenibile. Il riesame contribuirà al piano europeo di lotta contro il cancro per migliorare la promozione della salute attraverso l'accesso a diete sane nonché al piano d'azione per lo sviluppo della produzione biologica. Il riesame terrà conto inoltre della raccomandazione del Consiglio che istituisce la garanzia europea per l'infanzia.
    - Amministrazione capofila: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 28 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

Ambiente


  • Impatto ambientale della gestione dei rifiuti - revisione del quadro dell'UE in materia di rifiuti
    La Commissione europea sta effettuando una valutazione d'impatto in preparazione della revisione della direttiva quadro sui rifiuti. Gli obiettivi della revisione sono: limitare la produzione di rifiuti, aumentare il riutilizzo, incrementare la preparazione efficiente in termini di costi per il riutilizzo e il riciclaggio di qualità, anche per gli oli usati e i rifiuti tessili.
    La revisione esaminerà le opportunità di semplificazione per rendere la legislazione più chiara e ridurre gli oneri per i cittadini e le imprese. Nell'ambito di questa valutazione d'impatto, la Commissione esaminerà anche le opzioni strategiche relative alla definizione di traguardi a livello dell'UE per la riduzione degli sprechi alimentari. La Strategia UE "Dal produttore al consumatore" richiede la definizione dei suddetti traguardi. In tale contesto, la Commissione sta conducendo una consultazione pubblica per raccogliere ulteriori prove sulle prestazioni esistenti, pareri e informazioni sul problema, sulla fattibilità e sui possibili impatti (economici, sociali e ambientali) di azioni alternative (specificando le possibili azioni), esempi di buone prassi e opinioni sulla sussidiarietà delle possibili azioni.
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione Ecologica 

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 16 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

  • Nutrienti - piano d'azione per una migliore gestione
    Scopo della consultazione è raccogliere i pareri del pubblico e delle parti interessate sugli aspetti di un piano d'azione dell'UE per la gestione integrata dei nutrienti. Nell'ambito del Green Deal europeo, la Strategia UE "Dal produttore al consumatore" e la Strategia dell'UE sulla biodiversità annunciavano che la Commissione UE avrebbe elaborato un piano d'azione integrato per la gestione dei nutrienti per contribuire al conseguimento degli obiettivi fissati per il 2030 in tali strategie al fine di ridurre le perdite di nutrienti almeno del 50 %. Le perdite di nutrienti nell'UE superano già oggi i limiti della sicurezza del pianeta. Hanno un impatto negativo sulla salute pubblica, sull'ambiente (suolo, acqua e aria) e su diversi settori dell'economia (come la pesca e il turismo).
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione Ecologica 


     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 15 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

  • Direttiva sulla responsabilità ambientale (valutazione)
    La direttiva sulla responsabilità ambientale (direttiva 2004/35/CE) istituisce un quadro di responsabilità ambientale, basato sul principio "chi inquina paga", per la prevenzione e la riparazione del danno ambientale. L'articolo 18, paragrafo 2, della direttiva prevede che la Commissione europea effettui la valutazione entro il 30 aprile 2023. L'obiettivo è quello di consentire a tutti i cittadini e ai portatori di interessi di esprimere il proprio punto di vista sull'esperienza acquisita nell'applicazione della direttiva, in particolare per quanto riguarda l'efficacia, l'efficienza, la pertinenza, la coerenza e il valore aggiunto dell'UE e in questo modo orientare il processo di valutazione.
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione Ecologica 


     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 4 agosto 2022 rispondendo al questionario online.

Energia


  • Requisiti di etichettatura energetica per gli apparecchi per il riscaldamento d'ambiente locale (riesame)
    Dare alle parti interessate la possibilità di presentare osservazioni sulla valutazione e sulle principali opzioni individuate per la valutazione d'impatto e di fornire ulteriori contributi, se del caso, alla luce degli sviluppi tecnologici o del mercato intervenuti dopo la conclusione dei due studi di riesame sugli apparecchi per il riscaldamento d'ambiente locale e sulle pompe di calore aria-aria.
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione Ecologica 

     

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 15 agosto 2022 rispondendo al questionario online.

Servizi bancari e finanziari


  • Quadro di finanza aperta - consentire la condivisione dei dati e l'accesso di terzi nel settore finanziario
    La strategia per la finanza digitale dell'UE annunciava una proposta sulla finanza aperta, che fa riferimento all'accesso e al riutilizzo dei dati dei clienti, con il loro consenso, in tutta una serie di servizi finanziari. L'iniziativa mira a consentire la condivisione dei dati e l'accesso di terzi a un'ampia gamma di settori e prodotti finanziari, in linea con le norme in materia di protezione dei dati e di tutela dei consumatori. Essa si basa sul principio secondo cui i clienti dei servizi finanziari possiedono e controllano i dati che forniscono e i dati creati per loro conto.
    Scopo della presente consultazione è raccogliere prove sull'applicazione e l'impatto della revisione della direttiva sui servizi di pagamento (PSD2) e informare il lavoro della Commissione UE sull'open finance. La strategia di finanza digitale e la strategia di pagamento al dettaglio hanno annunciato il lancio di una revisione completa dell'applicazione e dell’impatto della PSD2 per valutare se la legislazione rimane adeguata allo scopo. Parallelamente alla valutazione della PSD2, la strategia di finanza digitale ha annunciato l'ambizione della CE di proporre una legislazione su un quadro più ampio di "finanza aperta". L'obiettivo di tale quadro è di consentire ai fornitori di servizi finanziari di condividere e riutilizzare i dati dei clienti al di fuori dell’ambito della PSD2 per creare servizi nuovi e migliorati, previo accordo con il cliente nonché l'applicazione effettiva delle norme sulla protezione dei dati e sulla sicurezza tutele. La consultazione informerà la CE sull'applicazione e l'impatto della PSD2 e sulle opinioni sull'open finance, tenendo conto, tra l'altro, degli sviluppi nel mercato dei pagamenti, delle esigenze degli utenti dei pagamenti e della necessità di eventuali modifiche. Consentirà, inoltre, al pubblico di condividere le proprie opinioni e in tal modo sosterrà la valutazione e consentirà alla CE di decidere se sono giustificate un'azione coordinata dell'UE e/o misure politiche.
    - Amministrazione capofila:  Ministero dell'Economia e delle Finanze 

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 2 agosto 2022 rispondendo al questionario online.
  • Servizi di pagamento - revisione delle norme dell'UE
    L'iniziativa riferirà in merito all'applicazione e all'impatto delle norme dell'UE in materia di servizi di pagamento, come richiesto dalla clausola di riesame della seconda direttiva sui servizi di pagamento e annunciato dalla Commissione europea nella Strategia dell'UE per i pagamenti al dettaglio del 24 settembre 2020. Il riesame valuterà in particolare se la direttiva sia ancora adeguata allo scopo, tenuto conto dell'emergere di nuovi servizi di pagamento e rischi. Se necessario, la relazione di riesame sarà accompagnata da una proposta legislativa di modifica.
    Lo scopo di questa consultazione pubblica è raccogliere prove sull'applicazione e sull'impatto della revisione della direttiva sui servizi di pagamento (PSD2) e informare il lavoro della Commissione sull'open finance. La strategia di finanza digitale e la strategia di pagamento al dettaglio hanno annunciato il lancio di una revisione completa dell'applicazione e dell'impatto della PSD2 per valutare se la legislazione rimane adeguata allo scopo. Parallelamente alla valutazione della PSD2, la strategia di finanza digitale ha annunciato l'ambizione della Commissione di proporre una legislazione su un quadro più ampio di "finanza aperta". L'obiettivo di tale quadro è di consentire ai fornitori di servizi finanziari di condividere e riutilizzare i dati dei clienti al di fuori dell'ambito della PSD2 per creare servizi nuovi e migliorati, previo accordo con il cliente nonché l'applicazione effettiva delle norme sulla protezione dei dati e sulla sicurezza tutele. La presente consultazione informerà la Commissione UE sull'applicazione e l'impatto della PSD2 e sulle opinioni sull'open finance, tenendo conto, tra l'altro, degli sviluppi nel mercato dei pagamenti, delle esigenze degli utenti dei pagamenti e della necessità di eventuali modifiche. La consultazione pubblica consentirà al pubblico di condividere le proprie opinioni e in tal modo sosterrà la valutazione e consentirà alla Commissione di decidere se sono giustificate un'azione coordinata dell'UE e/o misure politiche.
    - Amministrazione capofila: Ministero dell'Economia e delle Finanze

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 2 agosto 2022 rispondendo al questionario online.

 

Sicurezza alimentare


  • Sprechi alimentari - obiettivi di riduzione
    La Commissione europea sta effettuando una valutazione d'impatto in preparazione della revisione della direttiva quadro sui rifiuti. Gli obiettivi della revisione sono: limitare la produzione di rifiuti, aumentare il riutilizzo, incrementare la preparazione efficiente in termini di costi per il riutilizzo e il riciclaggio di qualità, anche per gli oli usati e i rifiuti tessili.
    La revisione esaminerà le opportunità di semplificazione per rendere la legislazione più chiara e ridurre gli oneri per i cittadini e le imprese. Nell'ambito di questa valutazione d'impatto, la Commissione esaminerà anche le opzioni strategiche relative alla definizione di traguardi a livello dell'UE per la riduzione degli sprechi alimentari. La Strategia UE "Dal produttore al consumatore" richiede la definizione dei suddetti traguardi. In tale contesto, la Commissione sta conducendo una consultazione pubblica per raccogliere ulteriori prove sulle prestazioni esistenti, pareri e informazioni sul problema, sulla fattibilità e sui possibili impatti (economici, sociali e ambientali) di azioni alternative (specificando le possibili azioni), esempi di buone prassi e opinioni sulla sussidiarietà delle possibili azioni.
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione Ecologica

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 16 agosto 2022 rispondendo al questionario online.

  • Legislazione per le piante prodotte con alcune nuove tecniche genomiche
    La Commissione europea sta preparando un'iniziativa strategica sulle piante prodotte mediante mutagenesi mirata e cisgenesi e gli alimenti e i mangimi da esse ottenuti. L'iniziativa è volta a fornire un'adeguata sorveglianza regolamentare per i prodotti vegetali interessati, per garantire un elevato livello di protezione della salute umana e animale come pure dell'ambiente, e permettere l'innovazione e il contributo delle piante ottenute mediante nuove tecniche genomiche sicure agli obiettivi del Green Deal europeo e della Strategia UE "Dal produttore al consumatore". La presente consultazione è un'importante fonte di informazioni per l'iniziativa della Commissione. L'obiettivo è raccogliere i pareri dei cittadini e dei portatori di interessi sul funzionamento dell'attuale legislazione in materia di OGM relativamente alle piante prodotte mediante mutagenesi mirata e cisgenesi e agli alimenti e i mangimi da esse ottenuti, ossia nell'ambito dell'attuale legislazione in materia di OGM, e sulle possibili opzioni per un nuovo quadro.
    - Amministrazione capofila: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 22 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

  • Un sistema alimentare sostenibile dell'UE - nuova iniziativa
    La Nel contesto del Green Deal europeo la Commissione europea ha adottato la Strategia UE "Dal produttore al consumatore" che riconosce la forte correlazione tra salute dei cittadini, salute della società e salute del pianeta, e intende offrire una risposta globale alle sfide poste dalla sostenibilità dei sistemi alimentari. Per promuovere la transizione verso un sistema alimentare sostenibile, nell'ambito della strategia "Dal produttore al consumatore" sono state avviate numerose azioni; tuttavia la strategia rileva che queste singole azioni settoriali non possono - né da sole né in combinazione reciproca - assicurare una completa coerenza strategica a livello nazionale e di UE, né integrare la sostenibilità in tutte le politiche in ambito alimentare o rafforzare la resilienza dei sistemi alimentari. Per questo motivo la strategia "Dal produttore al consumatore" ha annunciato un'iniziativa volta a introdurre una legge quadro orizzontale per accelerare e facilitare la transizione verso la sostenibilità e garantire che tutti gli alimenti immessi sul mercato dell'UE diventino sempre più sostenibili. Tale intervento a livello di UE si propone di gettare nuove basi per le future politiche alimentari introducendo principi e obiettivi di sostenibilità basati su un approccio integrato ai sistemi alimentari. In preparazione della presente iniziativa, la Commissione sta pertanto avviando un ampio processo di consultazione volto a raccogliere opinioni e contributi da tutti i portatori di interessi.
    - Amministrazione capofila: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 21 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

Trasporti


  • Veicoli commerciali - pesi e dimensioni (valutazione)
    Per sfruttare pienamente il potenziale del mercato unico e ridurre le emissioni di gas a effetto serra nel settore dei trasporti, potrebbe essere necessario rivedere la direttiva sui pesi e sulle dimensioni. Ciò contribuirà alla riuscita del Green Deal europeo e costituirà un elemento cruciale dell'attuazione della strategia per una mobilità sostenibile e intelligente. La consultazione raccoglierà pareri e contributi circa il potenziale impatto (sia positivo che negativo) delle possibili misure e opzioni strategiche..
    - Amministrazione capofila: Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 19 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

 

 

Consultazioni pubbliche europee
Torna all'inizio del contenuto