Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Esplora contenuti correlati

Consultazioni europee aperte

Nuove consultazioni pubbliche promosse dalla Commissione europea - Rilevazione del 20 giugno 2022 

**Leggi la sintesi della consultazione e partecipa anche tu!*

 

Consumatori


  • Diritto a tutela dei consumatori - applicazione transfrontaliera
    Nel 2023 la Commissione europea pubblicherà due relazioni riguardanti l'applicazione della normativa e la risoluzione extra-giudiziale delle controversie nel settore della tutela dei consumatori. Le relazioni tracceranno un bilancio dell'attuazione del Regolamento (UE) 2017/2394 sulla cooperazione per la tutela dei consumatori, nonché della Direttiva 2013/11 sulla risoluzione alternativa delle controversie e del Regolamento (UE) n. 524/2013 relativo alla risoluzione delle controversie online. Ai fini della preparazione di tali relazioni, la Commissione sta svolgendo una serie di azioni per raccogliere elementi concreti, in particolare studi sulla raccolta dei dati, uno studio comportamentale sugli strumenti assistiti dalla intelligenza artificiale e consultazioni mirate. La Commissione si baserà anche sul contributo di eventi di maggiori dimensioni come l'assemblea sulla risoluzione alternativa delle controversie del settembre 2021 e il vertice dei consumatori del 2022. Le relazioni possono servire come base per future iniziative legislative e no intese a rafforzare l'applicazione della normativa da parte delle autorità pubbliche e dei mezzi di ricorso a disposizione dei consumatori, per contribuire a un livello elevato di conformità con la normativa UE in materia di protezione dei consumatori, in particolare in considerazione del rapido sviluppo dei mercati digitali.
    - Amministrazione capofila: Ministero dello Sviluppo Economico

    Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 27 giugno 2022 rispondendo al questionario online.

  • Risoluzione extragiudiziale delle controversie dei consumatori (relazione)
    Nel 2023 la Commissione europea pubblicherà due relazioni riguardanti l'applicazione della normativa e la risoluzione extra-giudiziale delle controversie nel settore della tutela dei consumatori. Le relazioni tracceranno un bilancio dell'attuazione del Regolamento (UE) 2017/2394 sulla cooperazione per la tutela dei consumatori, nonché della Direttiva 2013/11 sulla risoluzione alternativa delle controversie e del Regolamento (UE) n. 524/2013 relativo alla risoluzione delle controversie online. Ai fini della preparazione di tali relazioni, la Commissione sta svolgendo una serie di azioni per raccogliere elementi concreti, in particolare studi sulla raccolta dei dati, uno studio comportamentale sugli strumenti assistiti dalla intelligenza artificiale e consultazioni mirate. La Commissione si baserà anche sul contributo di eventi di maggiori dimensioni come l'assemblea sulla risoluzione alternativa delle controversie del settembre 2021 e il vertice dei consumatori del 2022. Le relazioni possono servire come base per future iniziative legislative e no intese a rafforzare l'applicazione della normativa da parte delle autorità pubbliche e dei mezzi di ricorso a disposizione dei consumatori, per contribuire a un livello elevato di conformità con la normativa UE in materia di protezione dei consumatori, in particolare in considerazione del rapido sviluppo dei mercati digitali.
    - Amministrazione capofila: Ministero dello Sviluppo Economico

    Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 27 giugno 2022 rispondendo al questionario online.

Energia


  • Requisiti di etichettatura energetica per gli aspirapolvere
    La Commissione europea intende riesaminare e sostituire le norme sulla etichettatura energetica degli aspirapolvere, poiché il precedente regolamento è stato annullato a decorrere dal 18 gennaio 2019 in seguito alla sentenza dell'8 novembre 2018 del Tribunale dell'UE. I riscontri saranno presi in considerazione nella fase di ulteriore sviluppo e perfezionamento della iniziativa. Confluiranno in una relazione di sintesi che illustrerà come se ne è tenuto conto. individuati.
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione ecologica

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 12 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

  • Efficienza energetica - specifiche per la progettazione ecocompatibile degli aspirapolvere (riesame)
    Dare ai portatori di interessi la possibilità di presentare osservazioni sulle opzioni principali (cfr. sezione B) che saranno esaminate nella valutazione d'impatto e fornire ulteriori contributi in merito a eventuali sviluppi del mercato o tecnologici intervenuti dopo la conclusione dello studio di riesame.
    - Amministrazione capofila: Ministero della Transizione ecologica

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 30 giugno 2022 rispondendo al questionario online.

Fiscalità


  • Accise sull'alcol e sulle bevande alcoliche - valutazione delle aliquote di accisa e delle strutture fiscali
    L'obiettivo è raccogliere le opinioni di tutte le parti interessate sulle aliquote minime di accisa per l'alcol e le bevande alcoliche. Tali parti interessate hanno un’esperienza concreta del funzionamento quotidiano della direttiva, da varie prospettive. Si cercano opinioni su: l'accessibilità economica, la domanda e gli sviluppi del mercato per la gamma di prodotti alcolici negli SM; il quadro politico e le esigenze, che coprono sia le norme nazionali che quelle dell'UE.
    Il feedback delle parti interessate alla consultazione fornirà dati qualitativi e quantitativi a sostegno della valutazione dell'idoneità allo scopo della direttiva 92/84/CEE del Consiglio e sarà pertanto debitamente preso in considerazione nell'ambito della valutazione.
    - Amministrazione capofila: Ministero dell'Economia e delle Finanze 

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 4 luglio 2022 rispondendo al questionario online.

  • Ritenute alla fonte - nuovo sistema UE per evitare la doppia imposizione
    Il diritto degli investitori non residenti a un'aliquota inferiore o all'esenzione dalla ritenuta alla fonte, come previsto dalle convenzioni contro le doppie imposizioni o dalle norme nazionali, non è sempre pienamente garantito dall'attuale funzionamento delle procedure di rimborso/sgravio della ritenuta alla fonte nell'UE. Le procedure di rimborso della ritenuta alla fonte per i pagamenti transfrontalieri si sono rivelate lunghe, ad alta intensità di risorse e costose, sia per gli investitori che per le amministrazioni fiscali, a causa delle difficoltà incontrate dalle amministrazioni fiscali a valutare correttamente il diritto ad aliquote ridotte della ritenuta alla fonte e della mancanza di procedure digitalizzate. Le procedure sono state inoltre abusate, come riferito da un consorzio di giornalisti d'indagine che ha dimostrato l'esistenza di una presunta frode fiscale su vasta scala nota come "Cum-ex" e "Cum-cum" in alcuni Stati membri. Di conseguenza, gli investitori di portafoglio non residenti non hanno la facoltà di esercitare il diritto di chiedere i vantaggi derivanti dalla convenzione fiscale, il che comporta una doppia imposizione e rende meno attraente investire nel mercato UE. La Commissione europea sta preparando un'iniziativa per migliorare le procedure di ritenuta alla fonte per gli investitori non residenti. La iniziativa sulla ritenuta alla fonte mira a fornire agli Stati membri le informazioni per prevenire gli abusi fiscali nel settore delle ritenute alla fonte e a consentire un trattamento rapido ed efficiente delle richieste di rimborso e/o di sgravio alla fonte delle imposte trattenute in eccesso. In tale contesto, la Commissione invita il pubblico e le parti interessate a esprimere il loro parere sui problemi in questione, nonché sulle misure possibili e potenziali impatti. Le informazioni ricevute aiuteranno a compiere la valutazione d'impatto che la Commissione sta svolgendo attualmente.
    - Amministrazione capofila: Ministero dell'Economia e delle Finanze 

     Clicca qui e partecipa alla consultazione fino al 26 giugno 2022 rispondendo al questionario online.

 

Consultazioni pubbliche europee
Torna all'inizio del contenuto