Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Legge delegazione europea 2021, via libera definitivo della Camera

2 agosto 2022

La Camera dei Deputati nella seduta di martedì 2 agosto ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge "Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti normativi dell'Unione europea - legge di delegazione europea 2021".

"Con questo provvedimento tagliamo le infrazioni e miglioriamo la legislazione vigente. L'Europa è la nostra comunità di destino", il commento del Sottosegretario agli Affari Europei, Vincenzo Amendola. "Il mio personale ringraziamento va a tutti i membri della commissione Affari europei e al Parlamento per avere lavorato con convinzione e impegno nell'interesse dell'Italia e dell'Europa".

Il provvedimento si compone di 21 articoli che recano disposizioni riguardanti il recepimento di 12 direttive europee e l'adeguamento della normativa nazionale a 21 regolamenti europei e a 1 raccomandazione.

La legge di delegazione europea interviene su settori molto eterogenei e su temi di particolare rilevanza. Ad esempio, si segnalano le direttive (UE) 2019/2161 e 2020/1828, con cui vengono introdotte disposizioni per rafforzare ulteriormente la tutela dei consumatori e il regolamento (UE) 2020/1503 sul crowfunding, un tipo di finanziamento collettivo, che offre alle piccole e medie imprese (PMI) e, in particolare, alle start-up e alle scale-up un accesso alternativo ai finanziamenti al fine di promuovere un'imprenditorialità innovativa nell'UE.

Importante è anche la direttiva (UE) 2021/338 che è parte di un pacchetto di misure per far fronte alla crisi da COVID-19 denominato "Pacchetto per la ripresa dei mercati dei capitali", il cui obiettivo è quello di sostenere la ripresa attraverso l'introduzione di modifiche mirate e limitate alla normativa dell'Unione in vigore sui servizi finanziari, per rimuovere gli oneri burocratici non necessari e introdurre misure calibrate ritenute efficaci al fine di mitigare le difficoltà economiche.

In tema di giustizia, il provvedimento interviene per favorire con l'adeguamento al regolamento (UE) 2018/1727 l'istituzione dell'Agenzia dell'Unione Europea per la cooperazione giudiziaria penale (Eurojust) che potenzia il coordinamento e la cooperazione tra le autorità nazionali responsabili delle indagini e dell'azione penale contro le forme gravi di criminalità qualora interessino due o più Stati membri o richiedano un'azione penale su basi comuni. Inoltre, con il recepimento del regolamento (UE) 2018/1805 sui provvedimenti di congelamento e provvedimenti di confisca, vengono introdotte norme secondo le quali uno Stato membro riconosce ed esegue nel suo territorio i provvedimenti emessi da un altro Stato membro nel quadro di un procedimento in materia penale. Infine, si segnala il regolamento (UE) 2021/784 per le azioni di contrasto della diffusione di contenuti terroristici online.

Di grande impatto per il mondo delle imprese è anche la direttiva (UE) 2019/2121, che detta una disciplina completa delle operazioni transfrontaliere di trasformazione e scissione, risolvendo alcuni dubbi applicativi precedentemente connessi alla mancanza di un impianto organico in materia.

Rilevanti sul piano sociale sono poi la direttiva (UE) 2020/1057 sul distacco dei conducenti nel settore del trasporto su strada e i regolamenti n. 1071, n. 1072 e n. 1073 del 2009 che contengono disposizioni relative all'esercizio della professione di trasportatore su strada di merci e persone.

In tema di salute umana ed animale si segnalano i regolamenti in materia di agricoltura biologica (2018/848), di fertilizzanti (2019/1009), di mangimi medicati (2019/4), di medicinali veterinari (2019/6), di protezione degli animali durante l'abbattimento (1099/2009) e la direttiva concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano (2020/2184).

Leggi l'elenco completo delle direttive e raccomandazioni 

Legge delegazione europea
Torna all'inizio del contenuto