Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Conferenza sul futuro dell'Europa: clima, stato di diritto, cultura e istruzione al centro delle domande degli studenti nell'evento del 9 dicembre

13 dicembre 2021

Il Dipartimento per le Politiche Europee ha organizzato il 9 dicembre 2021 presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma l'evento nazionale dedicato alla piattaforma digitale multilingue e alla campagna di comunicazione sulla Conferenza sul futuro dell'Europa.

Hanno partecipato, tra gli altri, Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Vincenzo Amendola, Sottosegretario agli Affari Europei, Benedetto Della Vedova, Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, Presidente della Commissione per gli affari costituzionali del Parlamento europeo, i parlamentari Augusta Montaruli, Alessandro Alfieri, Matteo Luigi Bianchi, Paola Severino, rappresentante dei cittadini per la Conferenza sul futuro dell'Europa, e Ferdinando Nelli Feroci, co-presidente del Comitato scientifico della Conferenza sul futuro dell'Europa.

All'evento erano presenti oltre 250 studenti e studentesse delle scuole secondarie di secondo grado e delle Università che nel corso della giornata hanno dato vita a un intenso dibattito con i relatori.

Nel suo intervento di apertura, il ministro Di Maio ha ricordato come "l'Unione Europea e le sue istituzioni si sono impegnate a realizzare le indicazioni che arriveranno dalla Conferenza sull'Europa. E' stata attivata una piattaforma con lo slogan 'Il futuro è nelle tue mani' per permettere a tutti i cittadini europei di avanzare proposte per migliorare l'Unione. Il nostro Paese sta promuovendo eventi come quello di oggi che attraverso il lavoro del Dipartimento per le Politiche Europee cercano di canalizzare le proposte sui principali punti che vorremmo cambiare come cittadini italiani".

Per il Sottosegretario Amendola, l'evento è l'occasione per "lanciare un messaggio di riforma dell'Unione. Noi dobbiamo sentirci inappagati. La costruzione dell'UE ha bisogno ancora di cambiamenti e di un consenso popolare che si esprime con questo grande esercizio di democrazia diretta anche in maniera semplice, utilizzando la rivoluzione digitale. Noi vogliamo bene alla democrazia europea ma dobbiamo esser ben chiari. Perché dopo 80 anni di storia europea, l'UE ha bisogno di altre riforme per far sì che le tre parole del Presidente Mattarella - libertà, prosperità e pace siano - non solo tre motti, la l'azione concreta su cui costruiamo la nuova Europa".

Antonio Tajani ha ricordato come "il Parlamento europeo oggi è l'unica istituzione democratica dell'Unione, ma gli eurodeputati non hanno potere di iniziativa legislativa. Ce l'ha la Commissione che non è eletta dai cittadini. Una battaglia che stiamo conducendo in Europa è quella di introdurre questo potere nel Parlamento UE".

"Oggi non si tratta solo di sognare il futuro dell'Europa, si tratta di realizzarlo", ha detto Paola Severino, rappresentante dei cittadini italiani alla Conferenza sul futuro dell'Europa. La nuova piattaforma, ha aggiunto, "consente di esprimere concretamente il proprio pensiero. Sono convinta che queste idee saranno raccolte e atterreranno in Europa e consentiranno di costruire il futuro dell'Europa". 

Molti i temi sollevati dai giovani presenti all'evento durante lo spazio riservato alle domande. Si è parlato di cambiamenti climatici sia rispetto alla capacita delle misure della Commissione europea di essere all'altezza della sfida sia più in generale sulle fonti energetiche verdi. Diverse le domande sullo stato di diritto e sull'azione dell'Unione perché sia tutelato negli Stati membri. I ragazzi e le ragazze hanno anche chiesto di garantire e incentivare i giovani che intraprendono una carriera artistica, collegare maggiormente il mondo dell'istruzione superiore con quello del lavoro attraverso misure che contrastino più efficacemente la disoccupazione, incoraggiare le esperienze all'estero e più iniziative culturali con i fondi del PNRR, poter prevedere che i panel dei cittadini possano essere una risorsa anche dopo il termine della Conferenza sul futuro dell'Europa.

Durante l'evento, è stata presentata la campagna di comunicazione sulla Conferenza sul futuro dell'Europa: "La tua parola conta", realizzata dal Dipartimento per le Politiche Europee per promuovere la conoscenza e l'utilizzo della piattaforma digitale multilingue e favorire la partecipazione al dibattito di tutti i cittadini europei.

 

Conferenza sul futuro dell'Europa , La tua parola conta
Torna all'inizio del contenuto