Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Consiglio Affari Generali, 20 marzo 2018

20 marzo 2018

Si è riunito a Bruxelles il Consiglio Affari Generali dell'UE. Per l'Italia, era presente il Sottosegretario Sandro Gozi.

Il Consiglio ha ultimato i preparativi per il prossimo Consiglio europeo del 22 e 23 marzo 2018 con la discussione di un progetto di conclusioni. Il vertice si concentrerà su misure volte a rafforzare la crescita, creare nuovi posti di lavoro e migliorare la competitività. In agenda, anche un dibattito in materia di fiscalità, in particolare nell'economia digitale (webtax).

La Commissione europea ha aggiornato il Consiglio sul suo dialogo con le autorità polacche sullo stato di diritto in Polonia.

Michel Barnier, capo negoziatore della Commissione, ha informato il Consiglio nel formato UE-27 sullo stato dei negoziati sulla Brexit con il Regno Unito. In particolare, la discussione ha riguardato il progetto di linee guida sul quadro delle future relazioni con il Regno Unito che sarà al centro dei lavori del Consiglio europeo di marzo.

"L'accordo di recesso è a uno stadio molto avanzato - ha spiegato il Sottosegretario Gozi a margine dei lavori - resta aperta la questione irlandese, però su tutto il resto siamo molto soddisfatti della bozza di accordo, soprattutto sui punti che più ci interessavano come i diritti dei cittadini e l'automaticità del riconoscimento dei diritti. Credo che ora si debba fare tutto il necessario per arrivare in autunno a una dichiarazione politica sulla futura relazione tra UE e Regno Unito. Penso che la soluzione possa essere un accordo di associazione di nuova generazione accompagnato da un partenariato strategico in materia di sicurezza e affari interni e una cooperazione forte in materia di difesa".

Il Consiglio ha anche deciso che le prossime elezioni europee si terranno tra il 23 e il 26 maggio 2019. Ai sensi dell'atto relativo all'elezione del 1976, le prossime elezioni del Parlamento UE dovrebbero aver luogo dal 6 al 9 giugno 2019. Dal momento che gli Stati membri hanno ritenuto "impossibile" tenere le elezioni in quel periodo, il Consiglio ha deciso all'unanimità, conformemente all'atto relativo all'elezione, di scegliere di fissare una data alternativa, che cade di fatto due settimane prima. Dopo che il Parlamento europeo darà il suo parere, il Consiglio dovrebbe adottare formalmente la sua decisione prima della fine di giugno. Le ultime elezioni del Parlamento europeo si sono tenute il 22-25 maggio 2014. 
(fonte: Consiglio europeo, agenzie di stampa)

Consiglio Affari generali , Brexit , elezioni europee
Torna all'inizio del contenuto