Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Esplora contenuti correlati

Comunicazione strategica UE: verità, tecnologie e tendenze

27 dicembre 2018

Londra_Club di Venezia_2018Il governo britannico ha ospitato a Londra, nei giorni 13-14 dicembre 2018, il secondo seminario del Club di Venezia sulla comunicazione strategica: "Truth, Tech and Trends – The issues that European communicators need to address in 2019".

Per l’Italia hanno partecipato Fiorenza Barazzoni (Dipartimento Politiche Europee, DG Ufficio mercato interno e competitività) e Rosa Cavallaro (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni).

Il seminario fa seguito al primo incontro in tema di StratCom (Londra, 2017), che ha portato alla London Charter, mentre durante la sessione plenaria di Vilnius, nel giugno scorso, è stata adottata la Vilnius Charter on Societal Resilience to Disinformation and Propaganda.

Il seminario – che si è svolto, com’è consuetudine per il Club, secondo la Chatham House Rule [EN] –  ha affrontato le principali sfide attuali della comunicazione strategica in Europa. I lavori sono stati guidati da Alex Aiken (Executive Director of Communications, UK Cabinet Office, e membro del Comitato di orientamento del Club) e moderati da Vincenzo Le Voci, Segretario generale del Club, e Rytis Paulauskas, Direttore del Dipartimento di Comunicazione e Diplomazia culturale, Ministero degli Affari Esteri della Lituania.

Nell'insieme, i relatori hanno evidenziato le minacce costituite dalla disinformazione a livello globale in corso, e l’importanza di difendere i valori fondamentali comuni europei, quali il rispetto per la dignità umana, la libertà, l’eguaglianza e la democrazia e la volontà di continuare a cooperare in materia di disinformazione, a prescindere dalla Brexit.  

La sessione plenaria relativa alla "StratCom in Progress" ha permesso di valutare i principi della London Charter e della Vilnius Charter alla luce dei progressi delle strategie di comunicazione, sia a livello europeo sia a livello nazionale.

E’ stato presentato, tra l'altro, il recente Piano d’Azione sulla disinformazione [EN, 832KB .pdf], pubblicato il 5 dicembre 2018 dalla Commissione europea e dall’Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, che fa seguito alla Comunicazione sulla disinformazione del 26 aprile 2018.

Il Piano d’Azione, pur non prevedendo proposte normative, contiene comunque una serie di misure concrete per aumentare la resilienza della società europea nei confronti della disinformazione, con un approccio bilanciato che preservi la libertà di informazione. Le principali misure riguardano  programmi educativi di alfabetizzazione mediatica,  campagne di informazione, supporto a un giornalismo di qualità e monitoraggio dei media russi e dei Paesi del vicinato. Viene evidenziato anche il ruolo degli Stati membri, soprattutto per quanto concerne la comunicazione in senso positivo sulle politiche dell’UE e i suoi valori, e nello "smascherare" le false informazioni, anche attraverso la creazione di un network operativo sulla disinformazione.

Il Piano prevede infatti la creazione di un  sistema di allarme rapido, ovvero una sorta di piattaforma tra amministrazioni nazionali e europea, per agevolare la condivisione dei dati e delle valutazioni delle campagne di disinformazione e per segnalare minacce di disinformazione in tempo reale, anche in vista delle elezioni europee 2019.

Le tre sessioni parallele hanno affrontato tematiche tra loro connesse ("Truth, trust and disinformation", "Technology and networking" e "Trends") e per questo sono state organizzate in modo da permettere ai partecipanti di seguire gli interventi di più di una sessione, secondo un modello organizzativo sicuramente interessante anche per le prossime plenarie del Club.

In conclusione del seminario, il Segretario Generale Vincenzo Le Voci  ha annunciato le prossime riunioni del Club di Venezia: un seminario organizzato in collaborazione con il Consiglio d’Europa a Strasburgo ad aprile 2019 sulla disinformazione (da confermare), la sessione plenaria in Montenegro a metà giugno, e due seminari eventualmente a Cipro e/o in Grecia, su migrazione e altri temi in corso di definizione.

 

club di venezia , disinformazione , stratcom , fake news

Per saperne di più

torna all'inizio del contenuto
Torna all'inizio del contenuto