Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Coronavirus, la risposta dell'UE e dell'Italia

5 marzo 2020

La Commissione europea ha intensificato l'impegno nella lotta all'epidemia e sta adottando misure e interventi per monitorare gli Stati membri e le azioni adottate nell'affrontare la crisi nonché per definire una comune linea d'azione da seguire.

E' stata costituita una squadra di pronto intervento composta da cinque commissari a cui spetta il coordinamento, a livello politico, di ogni settore investito dalla crisi (sanitario, sociale ed economico).

Una sezione speciale del sito della Commissione europea è dedicata ad aggiornamenti continui con informazioni di carattere generale, notizie più recenti, statistiche sulla diffusione del virus nell'Unione.

Sono inoltre presenti studi e articoli di particolare interesse sul tema del coronavirus, collegamenti a siti di organizzazioni impegnate nella lotta all'epidemia come l'Organizzazione mondiale della sanità e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Approfondimenti sono dedicati agli aspetti medici (prevenzione, acquisto di merci, assistenza medica, prospettive), alla mobilità (consigli per chi viaggia, Schengen) e all'economia (prospettive e impatti su diversi settori come trasporti, turismo, industria e commercio).

Le misure adottate in Italia

Per quanto riguarda invece le misure adottate dal Governo italiano, le informazioni di carattere generale (cos'è il coronavirus, i comportamenti da seguire, le raccomandazioni di igiene), i collegamenti ai principali siti istituzionali (Ministero della Salute, Protezione Civile, Ministero degli esteri, Istituto Nazionale Malattie Infettive Spallanzani, Istituto Superiore di Sanità), si rinvia all'approfondimento presente sul sito della Presidenza del Consiglio.

Altre informazioni

Approfondimento sul COVID-19 sul sito dello European Centre for Disease Prevention and Control, l'agenzia dell'UE che ha l'obiettivo di rafforzare le difese dell'Europa contro le malattie infettive.

Nessuna prova che il cibo sia fonte o via di trasmissione del virus, si spiega sul sito dell'Autorità europea per la Sicurezza Alimentare.

coronavirus , salute , UE

Ultimo aggiornamento: 23/03/2020 18:22

Torna all'inizio del contenuto