Esplora contenuti correlati

I vantaggi dello Sportello Unico Digitale

Cittadini ed imprese che vogliono spostarsi in un altro Stato dell'UE oggi incontrano numerosi ostacoli dovuti alla complessità della normativa e delle procedure.

La ricerca di informazioni risulta complessa e l'utente viene reindirizzato a diversi siti web che non contengono le informazioni richieste oppure non garantiscono qualità o affidabilità delle informazioni fornite.

Molte procedure sono ancora basate su sistemi cartacei o vanno espletate presso un ufficio con conseguente perdita di tempo e denaro per le imprese e cittadini.

Inoltre, cittadini e imprese trasnfrontalieri incontrano spesso numerosi problemi dovuti alla carenza di sistemi che garantiscano l'accesso alle procedure amministrative in paesi diversi da quello di origine; né sono a conoscenza dei servizi di assistenza disponibili per la soluzione di problemi.

Per ovviare a tali carenze il Parlamento europeo ed il Consiglio hanno adottato il Regolamento n.1724/2018 in vigore dal 12 dicembre 2018 che istituisce e disciplina il funzionamento dello Sportello Unico Digitale.

Cos'è lo Sportello Unico Digitale

E' composto da un'interfaccia utenti comune gestita dalla Commissione europea, che sarà accessibile dal portale La tua Europa (Your Europe), che già ora fornisce accesso a siti web dell'Unione e degli Stati membri. Una volta operativo, lo sportello diventerà un unico punto di accesso alle informazioni sulle regole vigenti a livello nazionale e europeo in diversi settori, tra i quali impresa, lavoro, istruzione, salute e tassazione.

Le tappe

Dal 12 dicembre 2020, cittadini ed imprese che intendono spostarsi all'interno dell'Unione Europea potranno facilmente trovare ogni informazione utile sulla normativa UE e nazionale applicabile per esercitare i diritti che derivano dalla legislazione europea nell'ambito del mercato interno nei settori elencati all'Allegato I del Regolamento [clicca qui per leggere i settori]. Dal 12 dicembre 2022 saranno disponibili le informazioni di competenza delle autorità locali. 

Cittadini e imprese, in caso di dubbi sulla normativa da applicare o di problemi per l'accesso ad una procedura, potranno usufruire dei servizi di assistenza e di risoluzione dei problemi elencati all'Allegato III del Regolamento. [clicca qui per leggere i servizi]

Dal 12 dicembre 2023 cittadini ed imprese potranno gestire online le procedure amministrative previste dall'Allegato II del Regolamento [clicca qui per leggere le procedure online]. Ad esempio, la richiesta di una prova della registrazione di nascita, la registrazione del cambio di residenza o la presentazione di una dichiarazione dei redditi d'impresa.

Gli Stati membri devono garantire che tutte le informazioni richieste dal Regolamento siano disponibili nella propria lingua/lingue e in almeno una altra lingua ufficiale di vasta comprensione che è stata individuata nella lingua inglese.

Lo Sportello conterrà uno strumento di rilevazione del grado di soddisfazione degli utenti che consentirà loro di commentare in modo anonimo la qualità e la disponibilità delle informazioni e dei servizi forniti attraverso lo Sportello.

Torna all'inizio del contenuto