Governo italiano
lingua attiva: Italiano (Italia) ITA

Esplora contenuti correlati

"Cooperation Project 2"

L'iniziativa "Cooperation Project 2" è cofinanziata con risorse dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF), nell'ambito del programma "Hercule III - Training and Conferences".

Ideata per dare continuità al progetto "Cooperation in the Anti-Fraud Sector", ha quali obiettivi principali:

  • approfondire il tema delle attività fraudolente, nazionali e transnazionali, a danno del budget europeo;
  • consolidare le relazioni tra le autorità dei Paesi dell'Unione Europea e dei Paesi partner che si trovano al di là delle frontiere dell'UE (Politica europea di vicinato), perfezionando gli aspetti di comune interesse sia strutturali (prerogative, poteri, capacità di coordinamento) che legislative ed operative (metodi di conduzione delle indagini, analisi delle best practices);
  • potenziare i meccanismi di più stretta cooperazione investigativa e, quindi, l'aumento della "capacità di risposta" comune alle frodi.

Sono 27 i Paesi che hanno aderito al progetto, attraverso le rispettive Autorità anti-frode, tra Stati membri, in pre-adesione (candidati e potenziali) e in politica europea di vicinato: Albania, Bosnia e Herzegovina, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo, Lituania, Macedonia, Malta, Montenegro, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Ucraina e Ungheria.

Il progetto viene presentato a Roma il 7 e 8 giugno in occasione di una Conferenza internazionale a cui partecipano 81 delegati provenienti dai 27 Paesi partecipanti.

Sono successivamente previste:

  • quattro Tavole rotonde di approfondimento delle tematiche antifrode: Tallinn, il 26 giugno; Helsinki, il 27-28 giugno; Kiev, il 27 settembre; Nicosia, il 12 ottobre
  • un Evento finale di presentazione dei risultati progettuali si svolgerà a Bruxelles il 15 ottobre 2018.
lotta alle frodi
Torna all'inizio del contenuto