Esplora contenuti correlati

Lotta alle frodi all'UE

Il corretto impiego dei fondi erogati dall'Unione Europea costituisce un impegno fondamentale nella prospettiva di un rinnovato sviluppo economico in un contesto di massima legalità.

Il problema delle cosidette "frodi all'Unione Europea" rappresenta, pertanto, per l'Europa, una problematica di primissimo rilievo considerati gli effetti negativi che esse producono non solo sul Bilancio ma anche sul tessuto economico-sociale dell'Unione.

In tale ambito, l'elevato livello di tutela delle risorse europee da parte dell'Italia, immediatamente e facilmente rilevabile dai dati statistici inseriti nei rapporti annuali della Commissione europea, dimostra come il nostro Paese ha attuato ormai da tempo, con lealtà e tempestività, il noto "principio di assimilazione" (ex art. 325 del Trattato sul funzionamento dell'Unione Europea) secondo cui gli Stati membri "devono adottare, per la lotta contro le frodi che ledono gli interessi finanziari dell'UE, le stesse misure di cui normalmente si avvalgono per combattere le frodi che ledono i propri interessi finanziari nazionali".

L'Italia, infatti, dispone di Amministrazioni particolarmente preparate ed attrezzate sul fronte della lotta alle frodi (Agenzia delle Dogane, Agea, Carabinieri e Corpo Forestale dello Stato), oltre ad uno specifico Organo di polizia, rappresentato dalla Guardia di Finanza che, con competenze generali in materia economico-finanziaria, opera con gli stessi poteri e con le stesse professionalità, a tutela sia del bilancio nazionale che dell'UE.

Occorre, tuttavia, "tenere alta la guardia" conferendo una sempre maggiore efficacia alla vigilanza dei fenomeni illeciti (prevenzione) nonchè un crescente impulso alle attività di coordinamento di tutte le Autorità preposte alla gestione delle vitali risorse economiche europee.

Proprio per questo la legge 234 del 24 dicembre 2012 ha ulteriormente confermato e rafforzato il ruolo del Comitato per la lotta contro le frodi nei confronti dell'Unione europea (COLAF) e del Nucleo della Guardia di Finanza, operante presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Politiche Europee.

Per maggiori approfondimenti in tema di lotta antifrode e fondi UE, naviga la sezione e clicca sui link nel 
Per saperne di più (in alto a destra o in fondo alla pagina).

 

Database Nazionale Anti-Frode

Il Nucleo della Guardia di Finanza per la repressione delle frodi nei confronti dell'Unione Europea ha concluso il progetto, a tutela del bilancio UE, dal titolo: «Database Nazionale Anti-Frode, Strumento Informatico (IT) per prevenire le frodi a danno degli interessi

"Cooperation Project 2"

Il progetto si propone di consolidare le relazioni tra tutte le autorità dei Paesi europei e gli analoghi servizi dei Paesi candidati e in politica di vicinato e potenziare i meccanismi di più stretta cooperazione investigativa e, quindi, l'aumento della "capacità di risposta" comune alle frodi. Il progetto viene presentato a Roma in occasione di una Conferenza internazionale.

Lotta alle frodi all'UE: altre iniziative ed eventi

Altre iniziative Promosse dal Dipartimento per le Politiche Europee nell'ambito della lotta alle frodi all'Unione Europea.

Beneficiari dei fondi europei

I nominativi di tutti i beneficiari dei fondi europei devono essere pubblicati sui siti istituzionali delle Autorità di Gestione dei Programmi operativi. Si tratta di un obbligo di trasparenza e informazione stabilito dai Regolamenti europei che disciplinano l'attuazione dei fondi europei.

Relazioni annuali

Le relazioni descrivono lo stato delle frodi e delle irregolarità, soffermandosi sulla situazione italiana, elencano le attività del Comitato per la lotta contro le frodi all'Unione Europea, indicano le priorità individuate dal Comitato e le soluzioni attuate con i risultati conseguiti, descrivono le azioni che il Comitato intende realizzare nel breve periodo.

Torna all'inizio del contenuto